Uccelli in silenzio

note d’estate – 4

Sole nascente sul mare,

alba di un giorno in divenire

che in sé compie ogni cosa.

Sale il sole con la sua luce immortale,

riflettendo nell’acqua il ritorno alla vita,

il Ritorno alla Vita.

Gli uccelli tacciono al nascere del sole,

il parto è un silenzio di celesti note.

Gli uccelli raccolti, muti, devoti,

avvolgono nel silenzio il sole che appare.

Dal grembo del mare si genera il sole,

madre oceano e figlio sole

vivono nell’alba il cosmico abbraccio

prima che il giorno separi i loro cuori.

In un nuovo tramonto si uniranno ancora

in una nuova notte che li proteggerà

in una nuova alba che li accoglierà.

E gli uccelli chinano insieme

il piccolo capo in preghiera

e pregano per loro il mattino nascente,

e pregano per loro l’amore che vince,

e pregano con loro il destino che viene.

Ed è Pace che scuote la pace.

Antica canzone dal mare

note d’estate – 3

Un tempo cantavo canzoni

e una visione d’amore inondava il pensiero

portandogli luce dalle pieghe del cuore.

Tutto era d’azzurro dorato

in sfumature palpitanti vita oceanica

che immensa dilatava nell’anima

la sua antica canzone.

Oggi resta un ricordo

sulla superficie dell’acqua,

sull’acqua della riva,

sui sassi bagnati in costante attesa.

Tornerai antica canzone

quando oltre la Soglia vedrò

che negli anni terreni profumati di mare

mi portavi il profumo del cielo

che avevo lasciato.

Credevo di trovarlo qui,

nel mare che cantava il cielo,

ma era solo un presagio,

un dono per Ricordare.

Non ti troverò più sulla terra

ome fu quando il giovane cuore sognava.

Ti troverò nel tempo compiuto.

E sarai sostanza,

non più sogno,

non più palpito,

non più attesa,

sostanza vivente

dentro il canto del mare.

Mare di Luce

note d’estate – 2

Mare di luce azzurra

e sogni azzurri

inneggianti la luce.

Vola il pensiero

in amicizia con il cuore

nei lontani spazi

e nei cosmici abissi.

La profondità riflette l’altezza

in un canto che l’acqua dispiega.

Suono dell’infinito,

suono dell’inizio.

Abbandono.

Amore.

Afferrare un momento

note d’estate – 1

Caldo sentire del cuore

nella calda estate

che rapida fugge

verso le cime invernali.

Afferrare un momento

e tenerlo per sempre

perché non dissolva nel sole

perché non affondi nell’onda

perché canti nell’anima

la parola del vento

e sussurri la gioia

nei giorni più bui.

Sentire del cuore

che non ha lamenti,

sentire del cuore

che non ha confini,

sentire del cuore

che si perfeziona

nella Perfezione

e da lontano sorride.