Chi sono

Scrittrice e ricercatrice nel campo della psicologia spirituale, studiosa e divulgatrice della Scienza dello Spirito di Rudolf Steiner, conduco percorsi di crescita interiore individuali e di gruppo.
Sono laureata in psicologia e specializzata in medicina psicosomatica, formata in danze meditative.
Sono membro della Società Antroposofica Universale e della Libera Università di Scienza dello Spirito.

 MI PRESENTO

Ho lavorato come psicologa-psicoterapeuta dal 1989 al 2013, con regolare iscrizione all’ordine professionale, poi ho deciso di uscire dall’ambito ufficiale e dare un’impronta nuova alla mia attività, che definirei come “terapia antroposofica”, oppure “percorsi di crescita interiore secondo la Scienza dello Spirito”.
La scelta di uscire dall’Ordine degli Psicologi è nata dopo un lungo periodo di conflitto interiore che derivava dal trovarmi inserita in un sistema nel quale non mi identificavo, un’istituzione che se da un lato valorizzava l’immagine e l’identità professionale, dall’altro poneva seri limiti, sia diretti che indiretti, al messaggio e all’impulso che volevo portare nel mio lavoro e nelle situazioni di vita che mi trovavo ad affrontare.
Prima di operare come psicologa ero sta un’insegnante, e devo dire che non rinnego ciò che la pedagogia e la psicologia tradizionale mi avevano offerto. Esse sono state le basi sulle quali ho poi potuto edificare la mia professione e il mio pensiero. Tuttavia, i seri limiti posti dall’università ad un vero approfondimento della natura dell’essere umano e l’impossibilità, in questo ambito, di sviluppare maturazione e libertà di pensiero, mi hanno presto condotta sui due percorsi suddetti, i quali mi offrirono, con grande generosità, quello che lo studio accademico mi aveva fortemente lesinato, lasciando perlopiù senza risposta le domande a cui tanto aspiravo.
La natura prevalentemente tecnica e descrittiva degli studi ufficiali non mi portò (e non porta nessuno) ad approfondirsi nel significato profondo della vita, e quando iniziai la mia attività di psicoterapeuta mi trovai ad avvalermi più della mia personale esperienza, che non delle traballanti “conoscenze” acquisite.
Oggi posso dire che l’impegno che ho messo nell’affrontare gli studi convenzionali ha disciplinato la mia volontà (e in questo senso, solo in questo, li posso salvare), ma essi non hanno nutrito né il mio pensiero, né il mio cuore.
Fortunatamente non hanno però nemmeno “distrutto” il mio pensiero ed il mio cuore (cosa questa che vedo purtroppo accadere spesso in molti giovani), ma mi hanno spinto a cercare sempre più in quell’Oltre dove si cela, separata da un sottilissimo velo, la possibilità di comprendere ed espandere la nostra Coscienza.